Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

SIGLATO L’ACCORDO FRA GRUPPO CAP E REGIONE LOMBARDIA: Mappate tutto il reticolo idrico minore per una banca dati completa dei corsi d'acqua superficiali

COMUNICATO STAMPA

Redazione
Condividi su:

Mappare tutto il reticolo idrico minore per una banca dati completa dei corsi d’acqua superficiali: siglato l’accordo fra Gruppo CAP e Regione Lombardia

 Fiumi, torrenti e rogge sono la ricchezza del territorio, risorse da tutelare e gestire con lo sguardo sempre diretto all’ambiente, ma quanto si sa davvero di questo prezioso reticolo di acque superficiali? Di quali dati disponiamo e come possiamo renderli usufruibili e condivisi?

Nasce da questa esigenza l’accordo siglato fra Gruppo CAP e Regione Lombardia per la costruzione di una banca dati territoriale omogenea e condivisa, georeferenziata e disponibile online: riporterà tutto il reticolo idrografico minore presente nel territorio della Città Metropolitana di Milano, che verrà poi integrato al Reticolo Idrografico Regionale Unificato. Di fatto, Gruppo CAP e Regione Lombardia saranno impegnati a mettere mano ai dati di cui solo in parte Regione Lombardia già dispone, per renderli omogenei e costruire una mappatura complessiva che comprenda tutto il territorio, e che sarà pubblicata sul Geo-portale della Regione.

“Al termine, sarà disponibile un quadro conoscitivo completo del reticolo minore, con informazioni cartografiche e l’ubicazione topografica della rete, informazioni preziose che permetteranno a CAP e a Regione Lombardia di disporre di una banca dati che sia una base di riferimento dei propri Sistemi Informativi Territoriali – spiega Alessandro Russo, Presidente del Gruppo CAP -. Inoltre i dati verranno messi a disposizione di professionisti, gestori di servizi, aziende agricole e Comuni, per conoscere la distribuzione delle risorse idriche superficiali per un loro utilizzo razionale”.

Il progetto si articola in 18 mesi e sarà coordinato e realizzato dalla direzione IT di Gruppo CAP, guidata da Michele Tessera. Si parte proprio in questi giorni con la fase pilota su sei comuni, coinvolti in una sperimentazione che consentirà di stendere le Linee Guida e di pianificare le fasi successive. Fino a settembre di quest’anno si lavorerà dunque a Nosate, Inveruno, Cuggiono, Castano Primo, Buscate e Arconate. Poi la mappatura si estenderà a tutto il territorio della Città Metropolitana. Il programma è parte di un più complessivo “Accordo di partecipazione all’Infrastruttura per l’Informazione Territoriale (IIT) della Lombardia” sottoscritto dal Direttore Generale al Territorio Urbanistica e Difesa del suolo di Regione Lombardia, Paolo Baccolo, e dal Direttore Generale di CAP Holding Michele Falcone nel luglio 2015.


Gruppo CAP

Il Gruppo CAP è una realtà industriale che gestisce il servizio idrico integrato sul territorio della Città Metropolitana di Milano e in diversi altri comuni delle province di Monza e Brianza, Pavia, Varese, Como secondo il modello in house providing, cioè garantendo il controllo pubblico degli enti soci nel rispetto dei principi di trasparenza, responsabilità e partecipazione. Attraverso un know how ultradecennale e le competenze del proprio personale coniuga la natura pubblica della risorsa idrica e della sua gestione con un’organizzazione manageriale del servizio idrico in grado di realizzare investimenti sul territorio e di accrescere la conoscenza attraverso strumenti informatici. Gestore unico della provincia di Milano per dimensione e patrimonio il Gruppo CAP si pone tra le più importanti monoutility nel panorama nazionale.


Comunicato Stampa

Assago, 12 maggio 2016.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook