Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

TRE CANDIDATI AL PREZZO DI UNO

COMUNICATO STAMPA

redazione
Condividi su:

Dal PD SESTO riceviamo e pubblichiamo:

 

Quello a cui abbiamo assistito la sera del 31 maggio, durante il confronto pubblico organizzato da Sesto Week tra i candidati, e' stato un colossale inciucio.
Un inciucio che ha visto protagonisti Caponi, Foderaro e Di Stefano, di dimensioni tali da far impallidire quelli classicamente romani.
Un imbarazzante teatrino, con continui scambi di cortesie tra i tre candidati, in cui Caponi più che il candidato della coalizione civica sembrava essere l'avvocato di Foderaro e dei 5 Stelle, suggeritore di utili battute e porgitore di cortesi domande.
Ha completato poi la commediola Di Stefano, che a parole dice di essere il candidato del classico centro destra, ma che con uno slalom degno di nota, finge di scaricare la destra fascista che lo sostiene e in un crescendo di amorosi sensi conclude con una dichiarazione d'amore per Foderaro e i Grillini.
Insomma un papocchio gigantesco, degno della peggiore politica, di cui forse i cittadini dovrebbero essere informati.
Un evidente accordo sottobanco, i cui contraenti sembrano essere più di tre, ufficializzato in qualche stanza romana, con la benedizione di qualche potere forte con interessi sestesi.
Quello che più stupisce però è il finto candore con cui i 5 Stelle e il loro candidato Foderaro partecipano a questo gigantesco imbroglio.
Insomma siamo passati da uno vale uno, a tre al prezzo di uno, ma il costo vero lo pagano gli elettori, in particolar modo quelli Grillini, che credono di votare e poter scegliere, ma si portano a casa un voto truccato appesantito da un patto scellerato.


Andrea Rivolta
Candidato consigliere comunale Partito Democratico

Condividi su:

Seguici su Facebook