Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

PD Sesto: le conseguenze del bilancio di previsione in Consiglio Comunale

comunicato stampa

redazione
Condividi su:

Dal Pd di Sesto riceviamo e pubblichiamo:

L’approvazione in Consiglio Comunale del bilancio di previsione, il secondo dell’amministrazione Di Stefano, avrà delle ricadute pesantissime su tutti i cittadini; in particolare i più colpiti saranno i meno abbienti e i commercianti. 

Il Sindaco decide di aumentare le tasse

-con l’aliquota IRPEF che scatta al massimo e l'abbassamento della soglia di esenzione;

-in rialzo anche la tariffa della mensa, con aumenti fino al 90% per le fasce ISEE più basse;

-salgono pure la TOSAP, la tassa sulla pubblicità la tassa di soggiorno e la TARI (la tassa sui rifiuti) aumento, quest'ultimo, che toccherà tutti quanti. 

Un aumento della pressione fiscale che avrà ricadute pesantissime sui contesti più critici in città e sul commercio di vicinato, che invece di ricevere uno stimolo positivo da parte dell’amministrazione verrà ostacolato.

Il Partito Democratico per cercare di risolvere qualche nodo più critico ha proposto 2 ordini del giorno: uno che proponeva di inserire clausole sociali a tutela dei lavoratori nelle future gare di appalto per i servizi, rigettato; ed il secondo, che proponeva di abbassare le TASSE ai commercianti a partire dal 2020. 

Roberto Di Stefano ha rigettato anche quest’ultimo dicendosi d’accordo ma disposto ad accettarlo solamente se il PD avesse dichiarato che la colpa degli aumenti delle tasse era sua.

Questo è Roberto Di Stefano: un Sindaco a cui non importa della città (dove tra l'altro NON vive) e che aumenta per scelta tutta la fiscalità, per poi cercare rifugio dando le colpe all’opposizione.

Un Sindaco debole perché incapace di assumersi le proprie responsabilità politiche, sempre alla ricerca di capri espiatori e foglie di fico.


Nicola Lombardo
Segretario Cittadino Partito Democratico

Roberta Perego
Capogruppo PD Consiglio Comunale

Condividi su:

Seguici su Facebook