Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

GEAS IN FUGA: DECIMA VITTORIA CONSECUTIVA

GEAS-EMPOLI 66-58

Condividi su:

Geas da dieci e lode. La sfida dell’Immacolata al vertice della classifica premia le rossonere di Cinzia Zanotti (66-58), sempre in vantaggio su Empoli tranne che per due brevissime parità nell’arco dei 40 minuti. Quando le toscane coronano un lungo inseguimento con l’aggancio a 4 minuti dalla fine, Sesto trova la forza di ripartire con un parziale di 13-5 ispirato da Gambarini. Miglior valutazione di giornata per Schieppati, protagonista sia in attacco (12 punti con 6/8 al tiro), sia in difesa con 9 rimbalzi e 3 recuperi.

Respingendo la diretta inseguitrice, Sesto conquista la decima vittoria in altrettante partite e l’accesso matematico alla Coppa Italia di A2: almeno uno dei primi 4 posti a fine andata è infatti certo, quando mancano 3 turni al giro di boa. Ma con 4 punti di vantaggio su Empoli e 6 sul gruppo delle terze, anche una bella fetta del “titolo d’inverno” è in mano ad Arturi e compagne, attese peraltro già domenica 11 da un nuovo duro test sul campo di Costa.

La COACH ZANOTTI esprime così la sua soddisfazione: “Empoli ci ha messo in difficoltà alternando difese e spezzando i nostri ritmi. Siamo riuscite a fare il nostro gioco solo a tratti: per questo non è stata, forse, una partita bellissima da vedere. A nostra volta siamo state brave a limitare le loro lunghe, che era il nostro obiettivo principale in difesa. Per il vantaggio iniziale è stata molto importante Schieppati con i suoi canestri dalla media contro la zona: infatti poi siamo stati penalizzati dai suoi problemi di falli. Quando Empoli ha messo la ‘box and one’ su Galbiati, non ne abbiamo approfittato abbastanza con le altre, faticando a far circolare la palla e sbagliando qualche tiro di troppo. Questo ha favorito la rimonta di Empoli. Nel finale però, come già altre volte, abbiamo dimostrato la capacità di ripartire nei momenti difficili: si è sbloccata Gambarini e ha risolto. Ci attende subito un’altra sfida durissima a Costa, ma possiamo andarci con meno pressione sulle spalle”.

Condividi su:

Seguici su Facebook