Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Creativi per creare Educazione

Un concorso di idee per una campagna di comunicazione contro le cacche dei cani.

Redazione
Condividi su:

Sono un inno all’inciviltà e un incubo per chi passeggia per le strade e frequenta i giardini delle città, inclusa Sesto San Giovanni.

Le cacche dei cani non raccolte dai proprietari rimangono uno dei problemi di pulizia della città più sentiti e il Comune ha deciso di lanciare una campagna di comunicazione per sensibilizzare i proprietari al rispetto delle regole.

“Abbiamo deciso di realizzare una campagna di comunicazione – commenta l’Assessora all’Ambiente Elena Iannizzi – chiedendo agli stessi sestesi idee, slogan e immagini attraverso un bando di concorso pubblico.

E’ un modo per coinvolgere fin da subito cittadine e cittadini, rendendoli partecipanti attivi del progetto”.

Il bando del concorso di idee, pubblicato sul Portale del Cittadino (www.sestosg.net), prevede una partecipazione singola o associata libera a chiunque e chiede la realizzazione di una campagna di comunicazione a 360 gradi.

I partecipanti dovranno presentare una breve relazione sull’idea progettuale, uno slogan, un logo e un’impostazione grafica in vari formati e adattabile a diversi contesti.

Il progetto che risulterà vincitore riceverà un premio di 500 euro e verrà utilizzato dal Comune per realizzare la campagna di informazione contro le cacche dei cani.

La proposta dovrà essere presentata in busta chiusa all’Ufficio Protocollo del Comune entro le ore 12.00 di lunedì 19 gennaio 2015.

Il concorso di idee è anche il primo realizzato sotto l’ombrello di #chiamasesto, “un nuovo percorso avviato dall’Amministrazione comunale – conclude Elena Iannizzi – per coinvolgere i sestesi nella realizzazione di una città più bella.

E’ un dialogo che vogliamo aprire con la città, un ciclo di iniziative, concorsi ed eventi che hanno come tratto comune il rispetto per la nostra città e la volontà di migliorarla grazie alla partecipazione civile di tutte e tutti”.

Condividi su:

Seguici su Facebook