IL MIO MINESTRONE FATTO, QUASI, COME UNA VOLTA

CUCINA IN

| di Mariarosa Bugini
STAMPA

Per insaporire il minestrone mia madre iniziava con una “battuta” di parecchio lardo e cipolla. Questo è il minestrone che preparo io con alcune innovazioni apportate nel tempo.

Metto in pentola una piccola fettina di lardo, un cucchiaio di olio di oliva, 1 cipolla affettata e 3 pomodori a pezzetti. 
Mescolo ad ogni ingrediente, tagliato a tocchetti, e aggiungo:

2/3 patate
2 gambi di sedano
3 carote
3 zucchine
alcune foglie di lattuga (*)
alcuni pezzi di melanzana (*)

A questo punto procedo con l'acqua per la cottura, i fagioli borlotti (a freddo è meglio, a caldo la pelle si indurisce) e 2 cucchiai rasi di sale grosso. Lascio cuocere nella pentola a pressione per 30 minuti.
Passo il tutto, lo divido in vaschette che metto in freezer e lo utilizzo per quattro volte per due persone.
Il minestrone risulta concentrato e lo posso allungare con un poco di acqua prima di scaldarlo e aggiungere pasta piccola o crostini, o in alternativa posso consumarlo cosi’ com’è.

(*)La lattuga la metto perché ha un’azione rinfrescante.
(*)La melanzana ,solo piccoli pezzi, me l’ha suggerito una collega ligure.
Loro il minestrone lo fanno cosi’ ed è un sapore buono in piu’.

N.B: Per la cottura del minestrone ho scelto di utilizzare la pentola a pressione per conservare al meglio il buono della natura.

Mariarosa Bugini

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK