Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Monte Cristo sandwich: la simbiosi tra semplicità, bontà e rapidità

Cucina in

Redazione
Condividi su:

Un secondo piatto veloce, semplice da preparare e buonissimo? La risposta è facile: Monte Cristo sandwich
Il “Monte Cristo” sandwich è un panino composto da due fette di pane bianco farcite con prosciutto cotto, tacchino o pollo e una fetta di formaggio Emmental, che viene poi immerso nell’uovo sbattuto e fritto nel burro. Non certo un panino leggero ma a volte abbiamo bisogno solo di buon cibo, con tutte le calorie incluse!
Questo panino ha origini francesi ma è diventato un vero cult negli Stati Uniti: gli americani hanno saputo rendere questo panino ancora più calorico infatti una volta assemblato, non si limitano a friggerlo da una parte e dall’altra ma lo infilzano con lo stuzzicadenti e così lo immergono completamente nella pastella e lo friggono interamente.
Una cosa ancora più folle forse è che per bilanciare tutto quel grasso e sale, i panini Monte Cristo sono spesso spolverati con zucchero a velo oppure serviti con marmellata di frutti di bosco.

Ingredienti

*8 fette di pane in cassetta
*200g prosciutto cotto in fette spesse
*200g formaggio filante tipo Emmental
*2 noci di burro
*2 cucchiai di senape (o maionese)

per servire
marmellata di fragole
zucchero a velo

Preparazione

1.Su una fetta di pane spalmate un velo di maionese o senape, poi proseguite con il prosciutto, il formaggio, ancora prosciutto e chiudete con una fetta di pane.

2.In una ciotola rompete 2 uova e sbattetele leggermente con il latte e una presa di sale.

3.Immergete tutti i lati del vostro Monte Cristo sandich nelle uova sbattute. Scolate togliendo la pastella in eccesso e fate cuocere i panini in una padella dove avrete lasciato fondere una noce di burro.

4.Lasciateli dorare per due minuti per lato e metteteli su della carta assorbente prima di servirli ancora belli caldi.

5.Servite spolverati di zucchero a velo con marmellata di fragole o frutti di bosco.
 

Condividi su:

Seguici su Facebook