I 100 ANNI DI EMANUELE LUZZATI NELLA SUA GENOVA

Dreaming of Art

| di Chiara Nicolini
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Scelgo di parlare di Emanuele Luzzati, approfittando di questa celebrazione che lo vede protagonista nella sua città, Genova, che gli dedica diversi eventi per commemorarlo. Oltre a questo perché ho amato i disegni di questo eclettico artista già in giovane età. Avevo dei libri per bambini illustrati da lui; leggendo le “Filastrocche” e “Fiabe lunghe un sorriso” di Gianni Rodari e altri volumi, ero affascinata dai suoi personaggi fiabeschi; da adulta alla galleria Il Vicolo ho visto un’esposizione delle sue illustrazioni.

Ma Lele Luzzati non era solo illustratore di libri per l’infanzia, è stato pittore, scenografo, costumista, scrittore e ceramista, perfino progettista di un parco giochi, e fondatore del Teatro della Tosse di Genova; una creatività vulcanica e poliedrica. Giorgio Strehler diceva che di fronte alle sue scenografie, si poteva finire mani, piedi e pensieri dentro un sogno. Palazzo Ducale di Genova e Casa Luzzati, dal 3 giugno, giorno del compleanno dell’artista, ospita le sue opere e il suo archivio, una biblioteca e un’area didattica. Nei prossimi mesi si potranno vedere proiezioni, mostre temporanee, come “Sipari Incantati”: un viaggio tra le creazioni di Luzzati per il teatro, scenografie, costumi e disegni, che trasporteranno il pubblico dietro le quinte del suo lavoro. Nella sala delle Grida del palazzo della Borsa, sempre a Genova dal 3 giugno al 3 luglio si potrà visitare, la prima grande mostra Luzzati Experience, dove ci saranno proiezioni ad altissima definizione che trasporteranno il pubblico in ambienti da vivere, tra musiche e colori, per i più piccoli ci ha pensato la galleria d’arte Il Vicolo con fantasmagoriche illustrazioni e i bellissimi collage.

Dal 3 giugno al 3 agosto tutte le sere Genova si animerà proiettando i disegni di Lele Luzzati sui muri delle piazze, sui palazzi, animando di arte e colori la città che diventerà come un grande palcoscenico da vivere, una città cucita su misura per lui che è stata chiave della sua creatività ed espressione, fornendogli un immaginario visivamente e umanamente ricco. I suoi personaggi si animeranno e diventeranno danzatori, musicisti, saltimbanchi e cantanti d’opera, fino a raggiungere lungo mare i parchi di Nervi con una suggestiva passeggiata chiamata Lele cammina, cammina. Il calendario quest’estate in Liguria è vasto, varrebbe la pena di passare da Genova, seguendo la scia creativa di manifestazioni che celebrano i cent’ anni di questo grande, poliedrico artista, che riesce a farci sognare trasportandoci nel suo mondo magico.

Chiara Nicolini

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK