DOMANI MI LAUREO, COSA MI METTO?

Sobrietà, eleganza, minimalismo, sono regole vincenti.

| di Michela Patrini
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Mi è capitato poco tempo fa di dare consigli ad una amica in merito all' outfit della figlia laureanda.

Effettivamente è un' occasione d' uso che non sempre viene presa ad esempio quando si parla di adeguatezza vestimentaria ad una determinata situazione.

Ebbene un tubino scuro al ginocchio, è sempre adatto. Abbinato ad una giacchina corta in inverno, per ovvi motivi. Data la presunta giovane età il tailleur non è più indicato, sembrerebbe emulare il look da ufficio. 

Mood del giorno: sobrietà. Perfetto un pantalone a palazzo con una giacchina corta, sciancrata ma non sacrificata, nei toni chiari del beige in estate e scuri in inverno.

A sostituto della camicia è perfetto il top girocollo, smanicato o mezza manica, anche in versione trapezio o peplum. Nel caso si opti per la camicia lasciare libero e pulito il collo, raccogliendo i capelli, sinonimo di ordine ed eleganza.

La scarpa con il tacco da sicurezza, a patto che sia chiusa assolutamente. No i sandali.

I gioielli devono essere semplici, lineari, e di poco ingombro: la perla è perfetta.

Il collant: no assoluto al colorato ed al color carne, sarebbe come mettere in vista le gambe.

La borsa è molto importante. Deve essere strutturata, ma di medie dimensioni, no alle shopping, anche se deve contenere i libri.

Colori neutri e toni pstello per l' estate e colori scuri con dettaglio chiaro per l' inverno. Il tutto sempre correlato al buon senso di non denaturarsi mai completamente dal proprio stile e di considerare sempre la propria fisicità. 

 

Alcune immagini dal Web.

 

Michela Patrini

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK