Poesia di FERDINANDO RUSSO : “’A Madonna d’ ‘e mandarine"

Sempre per te scriverò

| di Mariarosa Bugini
STAMPA

Quanno ncielo n’angiulillo
nun fa chello c’ ha da fa’,
‘o Signore int’ a na cella
scura scura ‘o fa nzerrà.
Po’ se vota a n’ ato e dice:
-Fa venì San Pietro ccà!
E San Pietro cumparisce:
-Neh, Signò, che nuvità?
-Dint”a cella scura scura
n’ angiulillo sta nzerrato:
miettammillo a pane e acqua
pecché ha fatto nu peccato!
E San Pietro acala ‘a capa
E risponne:-Sissignore!
Dice Dio:-Ma statt’ attiento
ch’ ha da sta’ vintiquatt’ ore!
L’ angiulillo, da llà dinto,
fa sentì tanta lamiente...
Meh, Signò, dice San Petro,
pe’ sta vota...nun fa niente...
Nonzignore! Accussì voglio!
Statte zitto! Dice Dio:
si no ognuno se ne piglia!
‘Nparaviso cumann’ io!
E San pietro avota ‘e spalle:
Da la cella scura scura
L’ angiulillo chiagne e sbatte,
dice ‘e metterse paura!
Ma ‘a Madonna, quanno ognuno
sta durmenno a suonne chine,
annascuso ‘e tuttequante
va e lle porta ‘e mandarine.


Poesia di Ferdinando Russo – Libera traduzione di Mariarosa Bugini

Quando in cielo un Angioletto
Non fa quello che gli è stato detto di fare ,
Il Signore lo fa rinchiudere
in una cella scura scura.
Poi chiama un altro piccolo Angelo e gli dice :
“Fai venire qui San Pietro !”
E San Pietro arriva e chiede che novità ci siano.
“ il Signore gli dice che in una cella scura scura
ha fatto rinchiudere un piccolo Angelo :
occorre metterlo a pane e acqua
perché ha peccato !”
San Pietro china il capo
e risponde “Si Signore”
Dio dice : “Ma stai attento
che deve stare rinchiuso almeno per ventiquattr’ore !”
Il piccolo Angelo nel frattempo
disperato, si lamenta...
Allora San Pietro dice, “Ma Signore,
almeno per questa volta...non teniamolo rinchiuso...
“Nossignore! “ Dice Dio “ Io voglio cosi’
e tu stattene zitto :
altrimenti qui ognuno fa quello che vuole
In Paradiso comando solo io !”
E San Pietro se ne va.
Nella cella scura scura
l’angioletto piange e si agita
si lamenta, dice che ha tanta paura !
Ma la Madonna, mentre tutti dormono
profondamente,
di nascosto da tutti quanti,
va dall’Angioletto e gli porta i mandarini
( Ferdinando Russo 25.11.1866 – 30.01.1927)

Mariarosa Bugini

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK