Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

PASSEGGIATA NOTTURNA

Sul lungomare di Dahab

Condividi su:

Ancora una pagina dal mio diario inedito "Sempre per te scriverò" dedicato a questa magica parte dell'Egitto, da cui ancora vi scrivo: il Sinai.

"Tre ragazzi seduti sulla strada guardano un film da un PC portatile collegato ai fili di un lampione.

I ristorantini sul mare sono saturati dalle file di luci colorate del Natale passato. Sembra che tutti ne abbiano importati dei chili, ci han preso gusto e non li toglieranno più.

Una straniera canta brilla My Way da una tavolata allegra sul mare. In un istante, nella mia testa la canzone riguarda già perfettamente Dahab e la mia vita.

Un gatto rosso se ne scappa fuori dal cestino della spazzatura con un pesce in bocca.


C’è un viaggiatore solo col turbante seduto davanti al mare, somiglia a Lawrence d’Arabia.

Passan due ragazzi beduini con la sciarpa tirata fin sugli occhi a diciotto gradi. Uno di loro mi chiede, di dove sei, solo perché abbiamo lo stesso passo. Min hena, rispondo. Sono di qui.

Oggi le nuvole hanno la forma di grandi ali. Non è la prima volta. A volta succede, che sul cielo del Sinai ci scortino angeli. Ci crede solo chi li ha visti e ha vissuto qui.

Condividi su:

Seguici su Facebook