Partecipa a Sesto Daily News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

LA VISITA DI PAPA FRANCESCO IN COLOMBIA

IL RACCONTO TAPPA PER TAPPA DEL VIAGGIO DEL PONTEFICE

Condividi su:

I TAPPA Bogotà
Papa Francesco, con il suo discorso di riconciliazione, è venuto a dare il suo sostegno al processo di pace. 
"Io prometto che quando questo accordo è schermato dal riconoscimento del plebiscito  internazionale, sarò in Colombia a insegnare la pace". 
Breve ma forzate, così furono le prime parole pubbliche di Papa Francesco al suo arrivo rivolte alla Colombia, "Grazie molto per la gioia che hai, grazie molto per lo sforzo che hai fatto grazie mille per quel percorso che sei stato incoraggiato a fare, questo è chiamato eroismo, anche i più giovani possono essere eroi, non devono  perdere la gioia e la speranza e di andare avanti ", ha detto il leader della Chiesa cattolica  prima di entrare nella Nunziatura Apostolica, a Bogotà. 
Fu solo il primo giorno della grande esposizione dei media, non solo davanti al paese, ma nel mondo intero, di un profondo messaggio di riconciliazione. 
L'agenda pontificia continua  quando Papa Francesco viene ricevuto con tutti gli onori dal capo dello Stato nella Casa di Nariño.
Poi si reca sulla papamobile in Plaza de Bolivar, per ricevere le chiavi della città di Bogota e visitare la Cattedrale, dove riceverà circa 3.000 persone.
“Grazie per tutto quello che farete, grazie per il vostro lavoro", ha affermato papa 

Francesco salutando i giornalisti nel viaggio per il Paese latinoamericano. 
"Questo viaggio è un po' speciale, perché è un viaggio per aiutare la Colombia ad andare avanti nel suo cammino di pace, vi chiedo anche una preghiera per questo durante il viaggio”.  
Il Papa ha chiesto di pregare anche per il Venezuela: "Vorrei dire che sorvoleremo il Venezuela: vi chiedo una preghiera anche per il Venezuela perché si possa instaurare un dialogo e perché il Paese ritrovi  la stabilità e il dialogo con tutti".
Prima di essere Papa, Francesco era stato più volte nel paese come sacerdote, come arcivescovo di Buenos Aires e come cardinale dell'Argentina.
Parlando della venuta di Papa Francesco, bisogna tornare alle due lettere che gli sono state date per invitarlo a venire in Colombia, una firmata da Monsignor Luis Augusto Castro, allora Presidente della Conferenza Episcopale Colombiana e l'altra dal Presidente Santos.
Per fare la richiesta formale, il 23 gennaio 2016 è stato ricevuto presso il Vaticano il nunzio apostolico Ettore Balestrero, ora presidente della Conferenza Episcopale e in quel momento vicepresidente Monsignor Óscar Urbina. 
"Quando il Santo Padre è invitato, l'invito è doppio, dal momento che ha il carattere di pastore della Chiesa cattolica e di capo dello Stato, per cui in quell'occasione sono stati invitati sia i vescovi della Colombia che il  presidente della Repubblica ", ha spiegato padre Jaime Zapata, vice segretario dell'episcopato e direttore della commissione teologico-pastorale della visita del papa in Colombia.
Il messaggio del papa di per sé è politico oltre che Spirituale. 
Il presidente Santos lo sa ed è chiaro che la visita di papa Francesco in Colombia può essere quella spinta che ha tanto bisogno prima della  fine del suo governo, che ha ancora delle difficoltà da affrontare, specialmente nell'attuazione degli accordi di pace. 
Una spinta, quindi e un tocco al cuore ai più ferventi congressisti, ma anche avversari forti. 
"Viene in un momento straordinario, molto tempestivo, il messaggio che il Santo Padre porta ai colombiani, che riceviamo con emozione e con grande senso di responsabilità, abbiamo già finito una fase con la Farc, le armi sono già nel potere delle Nazioni Unite, che si fonderanno, dobbiamo costruire quella pace ha bisogno di fondamenta solide ", ha detto il presidente Santos.
Il Papa durante la sua visita in Colombia visiterà le città di Bogotà,  Medellin, Villavicencio e Cartagena poi ripartirà per l'Italia.
  
II TAPPA Nella città di Villavicencio
Capitale di una regione particolarmente colpita dal conflitto, questa piccola città è la scena del giorno più emozionante del primo viaggio in Colombia di Papa Francesco, focalizzato sulle vittime.
Il Pontefice ha detto ad una messa all'aperto affollata a Villavicencio, "Ogni sforzo di pace senza un sincero impegno alla riconciliazione tra vittime e carnefici dopo decenni di conflitti armati insanguinati.sarà sempre un fallimento".
Forte sostenitore dell'accordo di pace firmato con la FARC e dialoghi con l'Eln, ha invitato le vittime a "sostenere il primo passo nella costruzione della pace, senza aspettare altri per farlo". 
"Questo non significa disconoscere o nascondere le differenze e i conflitti. Non è delegittimare le ingiustizie personali o strutturali legittimi l'uso della riconciliazione concreta non può essere utilizzata per ospitare le situazioni di ingiustizia", ha detto.
Dopo l'Eucaristia, il Papa terrà il "Grande incontro di preghiera per la riconciliazione nazionale", con la presenza di vittime e autori di questa complessa deflagrazione interna, l'ultima del continente, oltre ai guerriglieri ci saranno i gruppi paramilitari coinvolti, gli agenti Stati e trafficanti di droga.
La presenza di ex combattenti della Farc, che è stata la principale guerriglia colombiana, è attesa essendo appena diventata partito politico. 
Il suo capo, Rodrigo Londoño, il cui nome era "Timochenko", ha invitato il pontefice venerdì "il suo perdono" per le vittime causate dalla sua organizzazione.
III TAPPA nella città di Medellin
  

Nella Plaza de Toros La Macarena,con circa 12.000 religiosi a Medellin, dove nel febbraio 1991, ha installato per ordine del boss della droga Pablo Escobar una bomba ha causato decine di morti e feriti Papa Francesco, li ha esortati a concentrarsi sulla evangelizzazione.
Papa Francesco ha invitato i membri della Chiesa Cattolica ad astenersi dal profitto e dal beneficio materialmente del loro esercizio religioso.
"Non possiamo approfittare della nostra condizione religiosa e la bontà del popolo per essere serviti ed ottenere benefici materiale", ha detto il Pontefice durante un incontro con i sacerdoti e vescovi nella città colombiana di Medellin
"Le vocazioni di speciale consacrazione morire quando si vogliono nutrire onori, quando sono guidate dalla ricerca della pace personale e di promozione sociale, quando la motivazione è nel segno di interessi materiali, che anche goffaggine del motivo di profitto ", "uomini e donne" della Chiesa non devono cadere in atti di "corruzione". 
"Il veleno delle menzogne, l'occultamento, la manipolazione e l'abuso verso il popolo di Dio, in particolare sui deboli, gli anziani ed i bambini non possono soggiornare nella nostra comunità", ha detto Il Papa affermando che i religiosi fanno parte di un "cambiamento dell'era" e di una "crisi culturale", che non è una scusa per ignorare la chiamata di Dio.
"Per me che non vengono con la storia che, non ci sono molte vocazioni di speciale consacrazione, per colpa di questa crisi che viviamo. Questo sapete cos'è una bugia "  ha detto, suscitando acclamazione dei partecipanti.
IV TAPPA nella città di Cartagena
Con la tappa a Cartagena, città che ha mantenuto la bellezza dell'epoca coloniale ma soffre anche del forte impatto della povertà, papa Francesco chiude il suo viaggio in Colombia. 
"In Colombia e nel mondo, milioni di persone sono vendute come schiavi, oppure vanno mendicando un po' di umanità, un momento di tenerezza, prendono la via del mare o si mettono in cammino perché hanno perso tutto a cominciare dalla loro dignità e dai loro diritti". Il Papa esorta "a lavorare per la dignità di tutti i nostri fratelli, specialmente per i poveri e gli scartati dalla società, per quelli che sono abbandonati, per gli emigranti, per quelli che subiscono la violenza e la tratta. Tutti costoro hanno la loro dignità e sono immagine viva di Dio" 
A Cartagena, in Piazza S. Francesco D'Assisi, Bergoglio ha partecipato alla benedizione della prima pietra delle case per i senzatetto e dell'Opera Thalita Kum. 
Erano presenti nella piazza alcune centinaia di persone, senzatetto e bambine assistite dall'Opera. 


Nel corso della cerimonia di benedizione della prima pietra delle case il Papa ha letto una preghiera: "Benedetto sii Tu, o Signore, Dio della misericordia, che in tuo Figlio ci hai dato un esempio ammirevole di carità e per mezzo di Lui ci hai vivamente raccomandato il mandato dell'amore; degnati di ricolmare con le tue benedizioni questi tuoi servitori, che desiderano dedicarsi generosamente all'aiuto dei fratelli; fa' in modo che, nel bisogno immediato, possano servirti fedelmente e pienamente nella persona del loro prossimo". 
Ia partenza dalla Colombia per  Italia del Pontefice ha scritto una pagina importante  nella storia del paese.
  
Gloria Janet Perilla

Condividi su:

Seguici su Facebook