Allianz Geas: nel derby lombardo con Broni, le rossonere volano e sognano...

Allianz Geas - Broni 86-59

| di redazione
| Categoria: Sport
STAMPA

Nella penultima giornata di campionato, al PalaNat l’Allianz Geas vince il derby lombardo contro Broni per 86-59. Ancora senza Panzera, Sesto mette in scena una buona prova collettiva, soprattutto nella seconda metà di gara, riuscendo ad arrivare in poco tempo a +30. Le ragazze di coach Zanotti salgono così temporaneamente in quinta posizione a 32 punti: la contendente per la quinta posizione Empoli – avversaria diretta del Geas il prossimo sabato alle ore 18 in Toscana – non ha disputato la gara con San Martino di Lupari, rinviata: dopo che Bologna ha sigillato la quarta posizione con la vittoria di stasera su Lucca, le lombarde e le toscane si contenderanno il quinto posto proprio nell’ultima finestra della regular season. Broni rimane invece a quota 14 punti in undicesima posizione e finirà il campionato il prossimo turno con un altro derby lombardo, in casa contro Costa Masnaga. Nei primi minuti le pavesi riescono a salire in vantaggio fino al +4, ma presto l’Allianz, grazie a diversi break, mette la testa avanti e riesce ad allungare, con un gioco più efficace nel secondo periodo, fino al +7 dell’intervallo lungo. Nella ripresa, dopo che le ragazze di coach Fontana, si rifanno sotto a -1 nei primissimi minuti, le rossonere macinano un 16-1 nella terza frazione e poi un 13-2 nella quarta, mentre Broni fatica molto in entrambe le metà campo: le geassine riescono a toccare il massimo +30 a pochi minuti dal termine.

Oroszova apre la gara con una tripla, poco dopo segnano per le ospiti Madera e per le padrone di casa Graves; poco dopo Broni è brava a scavare un rapido 7-0 in 1’15’’ con Rulli, Madera e Reimer e a salire sul massimo +4. Gwathmey da tre e Graves in appoggio fanno rimettere la testa avanti al Geas di una sola lunghezza, prima che nel giro di qualche azione le due squadre continuino a sorpassarsi, prima con Soli, poi con Verona e infine con Reimer (Broni a +1 con 4’40’’ sul cronometro). L’Allianz, senza Gwathmey, richiamata in panchina dopo tre falli commessi, è brava a unire le forze e a produrre un 7-0 in 1’20’’ con Verona dall’arco, Dotto in reverse e Oroszova con un bell’appoggio dopo aver sfruttato il piede perno. Il contro-parziale delle pavesi non tarda però ad arrivare: Orazzo, Rulli e Ianezic collaborano a un 6-0 in 1’35’’ che vale il 19-19. Con 10’’ da giocare Oroszova da distanza ravvicinata riporta Sesto a +2. All’inizio della seconda frazione, alla tripla di Verona risponde con la stessa arma Orazzo; la guardia di Broni è brava poco dopo a fare altri 2 punti. Ercoli, molto energica nei momenti in campo, strappa un rimbalzo in attacco e segna da sotto, facendo partire un break delle padrone di casa: la lunga umbra delle rossonere, che trova il fondo della retìna anche poco dopo in appoggio, Arturi con una tripla dall’angolo e Verona, a segno in contropiede su assist della capitana con una conclusione ad alto coefficiente di difficoltà, mettono insieme un 9-0 in 1’50’’ che vale il +9 dell’Allianz. Reimer prova a tamponare l’emorragia, ma Graves è brava nelle due azioni successive a segnare prima con un tiro in sospensione e poi da sotto, per il +11 sestese a 5’20’’ dalla pausa lunga. Madera e Orazzo fanno tornare Broni a -7, ma poco dopo Arturi non sbaglia dalla lunetta. Negli ultimi 2’ della prima metà di gara trovano la via del canestro Crudo per le ragazze di coach Zanotti e Ianezic e Madera per quelle di coach Fontana (41-34 dopo 20’).

Nella ripresa Broni prova ad accorciare e si avvicina pericolosamente alle rossonere con un 6-0 (con Reimer, Madera e Rulli) in 1’10’’ che vale il -1. L’Allianz rimane però lucida e, colpo su colpo, con un mix di buone azioni corali, di tenuta fino agli ultimi secondi nella metà campo difensiva, e di conclusioni di talento delle singole, macina un 16-1 in circa 6’ (per il +16) con Gwathmey, 7, Graves, 4, Verona, 3, ed Ercoli, 2. Soli è la prima delle ospiti a ritrovare il canestro dopo un lungo blackout offensivo durato più di 6’, ma Dotto con un bel tiro in sospensione e Crudo in appoggio fanno chiudere al Geas la terza frazione avanti di 18 lunghezze. Nei primi minuti del terzo quarto il divario tra le due squadre si mantiene in equilibrio, grazie a buone conclusioni di Ercoli, Arturi e Gwathmey da un lato e di Reimer e Madera dall’altro; poco dopo le padrone di casa, non sazie, uniscono ancora le forze e scavano un 13-2 in 3’ con Oroszova, 5, Ercoli e Verona, entrambe con 3, e Arturi, 2 (80-52 con 3’20’’ da giocare). Per le ospiti poco dopo segna Madera, ma Verona chiude due azioni con una tripla e con un 2/2 ai liberi per il massimo +30 rossonero. Dopo i canestri dell’ultimo minuto di Madera, Oroszova e Roma il risultato finale viene ritoccato fino al definitivo 86-59.

Buona serata al tiro per Sesto, che chiude col 54% da due, 38% dall’arco e 75% a gioco fermo; Broni finisce col 41% da due, 19% da tre e 80% dalla lunetta. Chiave della partita il controllo esercitato dall’Allianz nei pitturati, con 46 rimbalzi totali (e 17 in attacco) contro i 28 delle ospiti. Il Geas esprime un bel gioco, chiudendo molte azioni dopo una circolazione completa di palla (24 assist – 9 dei quali della sola Arturi, contro 13). Top scorer della serata Costanza Verona, che mette a referto 21 punti (3/5 da due, 4/8 da tre, 3/4 ai liberi), 8 rimbalzi e 6 assist; buonissima prova anche della capitana Giulia Arturi, quasi in doppia doppia con 10 punti e 9 assist, e di Elisa Ercoli, che chiude con 11 punti (5/6 dal campo) e 6 rimbalzi. Bene anche il trio di straniere Gwathmey, Oroszova e Graves, rispettivamente con 11+4, 10+6 e 12+5. Miglior marcatrice delle ospiti Madera, con 18+6+3 assist; in doppia cifra anche la statunitense Davis Reimer, che chiude con 15+8. Sfiora la doppia cifra di punti con 9+2 rimbalzi e 2 assist.
 

redazione

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK