Disintossicazione digitale: come fare?

Universo digitale

| di redazione
STAMPA

Siamo sempre connessi, sempre sul pezzo: come bilanciare il rapporto coi nostri device?

1) Limitare le notifiche
Tra gli elementi che più spesso ci tengono incollati ai nostri display, sicuramente figurano le notifiche. Ci riferiamo in particolare a quelle push, che compaiono sul nostro smartphone anche quando un’applicazione è chiusa e non la stiamo utilizzando, per riportarci una novità o uno stimolo a interagire con essa. Si tratta di un meccanismo molto utile quando vogliamo essere informati e reperibili, ad esempio quando aspettiamo una e-mail importante e non vogliamo rischiare di perdercela. D’altro canto, potrebbero disturbare e non rendere efficaci, invece, i
momenti in cui, invece, dobbiamo recuperare, concedendoci una pausa.

Proviamo a far caso a quali di queste notifiche riceviamo su base giornaliera: sono davvero tutte indispensabili? Quali possiamo eliminare? Che aggiornamenti possiamo rimandare? Ogni singola applicazione permette di disattivarle, mentre molte altre concedono di definire degli orari in cui interromperle. La piattaforma Slack ad esempio, sistema di messaggistica di carattere professionale per desktop e mobile, ha tra le sue più importanti funzionalità quella di determinare le fasce nelle quali non essere disturbati. Partiamo, quindi, eliminando le notifiche che non ci sembrano essenziali, limitandone al nostro personae “orario d’ufficio”. E ora che siamo in ferie, perché non toglierle del tutto?

2) Lontano dagli occhi, lontano dal cuore
Quando possiamo permettercelo - e se per esempio usciamo a fare una breve passeggiata -, proviamo a lasciare lo smartphone a casa. A chi non capita di pensare, ogni tanto, a come andavano le cose un paio di decine d’anni fa? Non era insolito uscire e non essere reperibili. I dispositivi che c’erano, inoltre, non prendevano dappertutto o non erano propriamente “aerodinamici”. Dunque, perché non provare l’ebbrezza di farlo ancora? Usciamo e concentriamoci sui nostri pensieri, su ciò che ci sta attorno, e sulla compagnia delle persone con cui facciamo due chiacchiere, sebbene a distanza di sicurezza.

Lo stesso possiamo fare, per aiutarci, quando ci troviamo nella nostra abitazione e vogliamo dedicarci a qualcosa di diverso, come leggere un libro, scrivere o guardare un bel film: per evitare di interromperci in continuazione, cedendo alla tentazione di guardare le nostre notifiche, teniamo il telefono lontano dalla nostra vista. Riponiamolo in un cassetto, o in una stanza diversa da quella in cui ci troviamo. Non averlo sottomano ci renderà meno propensi a consultarlo.

3) Allenarsi con un timer
Nessuno potrà negare che, ogni tanto, rilassarsi “scrollando” il proprio feed su Facebook, Instagram o qualsivoglia altro social network può essere molto piacevole. L’importante, tuttavia, è evitare che il tempo trascorso nel farlo occupi una porzione eccessiva della nostra giornata. La maggior parte dei sistemi operativi degli smartphone ci permettono di vedere quanto ne
trascorriamo su ciascuna piattaforma, e spesso sono durate molto maggiori di quanto ci aspetteremmo.

Per evitare l’eccesso, possiamo provare a impostare un timer che limiti la nostra presenza sui social e ci faccia presente quando abbiamo esaurito il tempo a disposizione. Esistono addirittura delle applicazioni, come OffTime o Social Fever che hanno specificamente l’obiettivo di aiutarci a bilanciare l’attenzione che riserviamo al mondo digitale, rispetto a quello “fisico”.

Esistono anche app che, al contrario, ci aiutano a settare brevi periodi in cui stare lontani dal telefono. Forest, una di esse, permette di costruire proprio una sorta di foresta digitale: ogni volta che si imposta un timer, un piccolo albero comincia a crescere, ma arriva indisturbato a diventare grande e forte solo se non prendiamo in mano il telefono prima dello scadere del tempo. Se lo facciamo, rischiamo di distruggere i nostri progressi.

Insomma, esistono tanti piccoli espedienti per integrare la tecnologia con la nostra vita in maniera sana ed equilibrata. Non è necessario, infatti, lasciarsi andare agli estremi: così come non è bene non staccarsi mai dai display dei propri dispositivi, è anche difficile vivere in una dimensione completamente disconnessa da tutti i sistemi, in un mondo in cui la socialità e il lavoro sono anche digitali.

La tecnologia non ha ragione di spaventarci, se impariamo a conoscerla e sappiamo come gestirla. È pure grazie a questi strumenti che ogni attività, anche locale, può promuoversi, a costi contenuti, nei confronti dei propri potenziali clienti. Se vuoi scoprire come, più nel dettaglio, ti consigliamo, nel 2021, di chiederlo direttamente a noi: contattaci e prendi appuntamento per una consulenza gratuita.

redazione

Contatti

redazione@sestodailynews.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK